mercoledì 26 giugno 2013

Io so io e voi nun siete un cazzo!


Come l'avrà presa il talebano del web? Come avrà preso Grillo l'insubordinazione (perché così deve essere apparsa ai suoi occhi) dei neoeletti consiglieri comunali 5 stelle nel Comune di Roma?. Alla richiesta del neosindaco Ignazio Marino di segnalare un consigliere pentastellato da inserire in giunta assegnadogli l'assessorato alla legalità, i consiglieri grillini non hanno avuto dubbi e si sono rivolti direttamente alla rete, in pieno spirito "uno vale uno". Hanno chiesto ai loro elettori il placet a collaborare con la giunta capitolina e i grillini romani hanno detto "sì", in barba ai diktat del capo che proprio ieri mattina si era affrettato a sconfessare qualsiasi accordo con qualsivoglia forza politica. I simpatizzanti M5S hanno votato contro il volere del leader, aprendo una questione politica non di poco conto: in questo caso "uno vale uno" o il volere del capo vale più di ogni altra cosa, alla faccia della democrazia? 

Nessun commento: